Marco Bucci esordisce in consiglio metropolitano: “Priorità rifiuti” (video di Tabloid)

Marco Bucci fra il neo-vicesindaco metropolitano Adolfo Olcese (a sinistra) e il segretario generale di Città metropolitana Piero Araldo

Città metropolitana è un ente che ha davanti tante sfide, in

primis quella dei finanziamenti, poi quella organizzativa. Raccoglieremo tutte queste sfide”. Questa la concisa dichiarazione del nuovo sindaco metropolitano Marco Bucci poco prima di entrare nella sala del consiglio di Palazzo Doria Spinola per presiedere il suo primo consiglio metropolitano mercoledì 26 luglio, in una seduta caratterizzata da poca prosopopea e da molta concretezza: è durata infatti solo 30 minuti, il tempo di votare la verifica degli equilibri di bilancio di Città metropolitana e di formalizzare la surroga dei 4 consiglieri metropolitani decaduti dopo la tornata elettorale di giugno. Si tratta di Maria Luisa Biorci, sindaco non ricandidato di Arenzano, e di tre consiglieri comunali di Genova che non si sono ricandidati o non sono stati rieletti: Gianni Vassallo, Alfonso Gioia e Gian Piero Pastorino. Al loro posto sono entrati in consiglio metropolitano Maria Grondona, sindaco di Mignanego, Lilli Lauro, consigliere comunale di Genova, Giuseppino Maschio, sindaco di Borzonasca, e Giovanni Giardini, consigliere comunale di Chiavari. Il debutto di Marco Bucci come sindaco metropolitano e dei quattro nuovi consiglieri è stato accompagnato da un altro debutto, quello di Adolfo Olcese come vicesindaco metropolitano: Olcese, appena riconfermato sindaco di Pieve Ligure, è stato nominato numero due di Città metropolitana al posto di Valentina Ghio, sindaco di Sestri Levante, dallo stesso Bucci, il quale per ora non ha assegnato deleghe a nessuno degli altri consiglieri. Dalla breve seduta è emersa una prima indicazione politica. Il nuovo sindaco metropolitano infatti ha enunciato come priorità il tema delle Ato(Ambiti territoriali ottimali), i due organismi metropolitani che si occupano rispettivamente di gestione del ciclo dei rifiuti e servizio idrico. In particolare il primo ha funzioni di grande rilevanza che si intrecciano con la spinosa questione di Amiu, l’azienda delComune di Genova che si occupa della raccolta e gestione dei rifiuti. Bucci si è anche detto convinto che Città metropolitana debba migliorare la propria reputazione presso i cittadini, i quali “associano questo ente a una valanga di problemi irrisolti, mentre in realtà è un ente molto importante a cui sono affidate materie di rilievo, e fra l’altro Genova rispetto alle altre Città metropolitane italiane ha funzionato meglio, e può essere il loro modello”. Questo consiglio metropolitano resterà in carica fino a domenica 8 ottobre, quando si svolgeranno le elezioni del nuovo consiglio metropolitano, elezioni cosiddette ‘di secondo livello’, ovvero riservate a sindaci e consiglieri comunali dei 67 comuni del territorio genovese, che saranno elettorato attivo, ovvero voteranno, e passivo, ovvero potranno essere votati.

Share this article

About author

Redazione

Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Contatti

Contatti

  • Via San Pietro , 65 
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 
  • 010 9269595 , Cell.338-6046388

Newsletter

Inserisci la tua e-mail per ricevere le nostre Newsletter !
Top
We use cookies to improve our website. By continuing to use this website, you are giving consent to cookies being used. More details…