Stampa questa pagina
Grand Trail Rensen: trionfa il campionissimo Collè

Eccezionale successo in termini di partecipazione per la settima edizione del Grand Trail Rensen di Arenzano, che ha accresciuto ormai il proprio nome al punto di vedere fra i partecipanti, campioni

di livello europeo. La corsa si divideva nella 45 km, 23 km e 12 km. Un’edizione, quella 2017 che ha fatto registrare un vero boom di iscrizioni, con oltre 400 atleti che hanno preso parte alla gara.

Nella prova più estenuante, quella di 45 km con 3000 metri di dislivello positivo, si impone nettamente il campione Franco Collè della Crazy / Tecnica. Il podista valdostano ha mostrato tutta la sua classe volando letteralmente verso la vittoria con un tempo importante: 5:16:33. Il secondo ottimo arrivato, l’argentino Pablo Barnes del BergTeam, ha pagato quasi mezzora di ritardo, ma può dirsi soddisfatto per essere il primo degli “umani”. Terza piazza per Paolo Piano, della Delta Spedizioni, che pur essendo il più “anziano” dei primi, è rimasto sotto le sei ore per completare il tracciato. Un grande risultato per un classe ’72 che ha messo in fila decine di podisti più giovani.

Ottima prova anche per Primo Riverditi, classe 1968 che chiude sesto assoluto e primo di categoria, così come Stefano Camaglio che termina 12° e primo nella propria classe.

Tra le donne si impone Yulia Baykova che taglia il traguardo 13^ assoluta in 7:04:59, lasciandosi alle spalle Anna De Biase che termina 17^ assoluta con i colori del Tornado Trail Running. Terza è Francesca Costa dello Spirito Trail, che finisce 33^ assoluta, riuscendo a salire sul podio femminile.

Passando alla 23 km il divario tra il vincitore e il resto del gruppo è stato meno evidente con Davide Cavalletti, senza squadra, che ha chiuso in testa con il tempo di 2:17:0, lasciandosi alle spalle Riccardo Saporiti di circa tre minuti e mezzo. Saporiti coglie insieme al compagno di squadra Andrea Beoldo, una doppietta sul podio per la Sisport. Beoldo si aggiudica anche il premio per la categoria M3.

Bene anche Ernesto Ciravegna del BergTeam che vince nella categoria M4 con il dodicesimo posto finale. Poco più dietro Simona Gambaro prima delle donne, anch’essa senza squadra, che conclude in 2:44:04 tenendo a distanza Giuseppina Carla Corti dell’Alpstation Milano che resta attardata di circa 9 minuti. Roberta Jacquin finisce 27^ assoluta, ma è terza tra le donne e prima nella categoria F1.

Infine nella gara più corta, che serve a molti podisti per defatigare o per approcciarsi al trail, l vittoria va a Francesco Profumo che conclude in 1:07:56, con un vantaggio piuttosto chiaro su Lorenzo Orlando, secondo che finisce dietro di 2’14”, ma si consola con il primato nella categoria M1. Terzo Christian Rossi che rimane quasi quattro minuti e mezzo indietro.

Primi di categoria Giovanni Pesce nella M3; Antonio Filippini e Benedetto Trucco nella M5. Susanna Scaramucci si impone fra le donne, chiudendo al 14° posto nella classifica generale, mostrando una forma smaliante, per lei che, classe 1957, pare ringiovanire corsa dopo corsa. Con il suo 1:25:54 si è lasciata alle spalle la più giovane Elisabeth Duval di quasi sette minuti. La Duval si ottiene comunque il primato nella categoria F3. Terza posizione infine per Mara Figliola che è 22^ assoluta, ma comunque prima nella categoria F2.

Share this article

About author

Redazione

Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
We use cookies to improve our website. By continuing to use this website, you are giving consent to cookies being used. More details…