La Sottocollese allunga. Zena in scia

A cinque giornate dal termine del campionato, la Terza categoria genovese cambia passo. Con l’Avosso fermo ai box, la Sottocollese non sbaglia, allunga a +4 e ipoteca la vittoria finale della

competizione. Contro il Santiago i grigioverdi giocano con autorevolezza e sbancano il “Sandesiderio” con un netto 1-3. La partita si sblocca dopo mezzora in equilibrio con un’occasione nitida per parte.

Al 31° Campanella riceve palla sugli sviluppi di un corner e insacca il vantaggio che manda le squadre al riposo sullo 0-1. Nella ripresa arriva quasi subito il raddoppio firmato Pagliano che di testa piazza il pallone dove Regio non può arrivare. Al 76° Alloisio chiude i conti con la terza rete ospite. In zona Cesarini, Pinazzi siglerà poi il gol della bandiera per i locali che nulla hanno potuto contro una squadra dalla forma straripante.

Lo Zena non molla e aggancia l’Avosso a quota 30 in seconda posizione aggiudicandosi lo spareggio con la Casellese. Le due squadre infatti alla vigilia erano appaiate a pari punti. Biancorossi che devono ringraziare un Priano in stato di grazia che sigla una tipletta che manda al tappeto i biancoblù. Prima rete dopo appena dieci minuti, mentre il 2-0 arriva al 35°.

Nella ripresa la partita resta equilibrata, ma al 70° le speranze della Casellese svaniscono del tutto grazie al tris del numero 10 biancorosso, vero man of the match della partita. Per la Casellese ora con la vetta a +6 e le insegutrici a -2, è tempo di rimboccarsi le maniche in cerca di un piazzamento che permetta di affrontare i playoff al meglio.

Approfitta della caduta della Casellese, il San Martino che batte di misura il Montoggio nello scontro diretto e lo scavalca ponendosi ora a -1 dai playoff. Gol fulmineo dei biancorossi che con Ghigo segnano quella che sarà la rete decisiva dopo appena 5 minuti. Il punteggio non cambierà più evidenziando così gli equilibri in campo che bloccano i successivi 85’. Nervosismo nel finale con Campiti da una parte e Crosetti dall’altra, espulsi.

Balzo in avanti del Davagna che si mette alle spalle ben due squadre e sale al quarto posto, a -2 dalla coppia seconda in classifica. Contro il Cep arriva una vittoria all’inglese, 0-2, farcita di tante polemiche a cominciare dal rigore che Geroldi calcia due volte. Nel primo tentativo la sfera esce a lato, ma il direttore di gara fa ribattere per l’invasione anticipata dell’area del Cep. Al secondo tentativo la mira del centrocampista migliora e Buzzanca è battuto.

Al 32° Ilariucci raddoppia e la partita si innervosisce poi con il Cep che si vede sventolare il cartellino verso i propri giocatori per ben 3 volte, finendo la partita in 8 contro 11.

Infine nello scontro in coda alla classifica il Libraccio vendica la sconfitta dell’andata contro il Savignone infliggendo ai valligiani un netto 0-5. Per la verità la partita si decide nella ripresa, perché dopo la rete in avvio di Pirlo, si deve attendere il 45° per vedere il primo gol di Graffione, che si ripeterà al 57° per il momentaneo 0-3. Il Savignone, già demoralizzato, prova almeno a segnare il gol della bandiera, ma viene punito altre due volte nel finale da Pesce e da Viscardi che fissano punteggio.

Share this article

About author

Redazione

Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Contatti

Contatti

  • Via San Pietro , 65 
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 
  • 010 9269595 , Cell.338-6046388

Newsletter

Inserisci la tua e-mail per ricevere le nostre Newsletter !
Top
We use cookies to improve our website. By continuing to use this website, you are giving consent to cookies being used. More details…