Il Montoggio batte il San Martino e aggancia la vetta

Si accende il campionato di Terza categoria genovese con la sesta giornata ricca di reti e colpi di scena. Con l’Avosso ferma per il turno di riposo, il Davagna, seconda in

classifica aveva l’occasione di passare in testa andando a +2 sui gialloblù. In un campionato che prevede sempre una squadra ferma ai box, diventa fondamentale sfruttare al meglio il turno, mettendo pressione alle dirette concorrenti.

Non lo ha fatto il Davagna che ospitava in casa il Cep, ancora senza vittorie e reduce dalla sconfitta di sette giorni fa con il Montoggio. I biancorossi iniziano bene con un buon ritmo, ma sono gli ospiti che dopo mezzora trovano lo spunto con Zannon e al 35° arriva il vantaggio del Cep che chiude il primo tempo in vantaggio. Nella ripresa la reazione dei padroni di casa è timida, così è ancora Zannon che al 60° mette al sicuro il risultato con lo 0-2. A questo punto il Davagna si getta in avanti, mettendo in seria difficoltà al difesa giallorossa, la quale tuttavia, si difende bene e respinge al mittente gli attacchi. La terza rete arriva al 90° con il Davagna sbilanciato in avanti, il neoentrato Pedemonte trova il varco per battere Vallarelli e completare la festa Cep.

Partita di vertice quella fra Montoggio e San Martino con gli ospiti a due punti dai biancoblù chiamati a vincere per tenere corta la classifica. Il Montoggio invece entra in campo con il piglio giusto e passa dopo 30’ di lotta in mezzo al campo. Beroldo va via bene in fascia, crossa al centro per l’accorrente Zubani che anticipa il portiere e fa 1-0.

Si passa alla ripresa con il San Martino poco propositivo e privo di idee. Al 68° poi è ancora un cross a mettere in crisi la retroguardia grigiorossa. Angolo di Pavanini, svetta Tacchella e palla sotto il sette per un 2-0 che farebbe pensare a una partita chiusa. Invece dieci minuti dopo è il San Martino a passare su calcio d’angolo. Rissotto gira bene la sfera che diventa imprendibile per Mangini. Il 2-1, però coincide con l’espulsione di Pretolesi del San Martino che in dieci non riesce più a rimontare e torna a casa sconfitto.

La Sottocollese torna a “casa” ovvero nel campo sportivo che la società biancoverde ha sistemato per il nuovo campionato. Il rientro coincide con una grande vittoria contro il Santiago, che dopo l’exploit della settimana scorsa (6-2 al Libraccio n.d.r.) torna bruscamente coi piedi per terra. La partita è vivace con due squadre motivate, una dall’esordio sul campo di casa, l’altra dalla pioggia di gol segnati nel turno precedente.

Pronti via e la Sottocollese sfiora il gol con Ferrera che calcia male tutto solo davanti a Regio, portiere del Santiago. Cinque minuti dopo e Campanella calcia di potenza, la palla starebbe per entrare, ma arriva un difensore ospite a salvare i suoi. I locali vanno forte, il Santiago lo accusa e al 28° va sotto. Pasticcio difensivo dei degli azulgrana che si fanno scavalcare dal rinvio del portiere biancoverde, Massone, la palla diventa buona per Francalacci che tutto solo appoggia in rete, eludendo l’intervento di Regio.

Risponde subito il Santiago con una bell’azione di Diawara che se ne va via in velocità, entra in area e in un contrasto con un difensore cade a terra. Per l’arbitro è tutto regolare, e la partita prosegue fra le proteste del Santiago. Fischia invece al 41° il direttore di gara per un contatto nell’area ospite. Dal dischetto è ancora Francalacci a segnare il 2-0. Passano tre minuti e arriva anche la terza rete firmata Costantini su bel cross di Campanella.

Si rientra in campo, il Santiago parte a tutta birra, ma un altro errore difensivo costa agli ospiti le residue speranza. Francalacci ringrazia la difesa che ancora una volta non si capisce e regala la sfera all’attaccante sottocollese che sigla la tripletta personale. I padroni di casa restano poi in dieci per l’espulsione di Moresco al 55°, ma non patiscono più di tanto. Inutile il bel gol di Diawara, il migliore dei suoi e l’ultimo ad arrendersi, che giunge all’80°. Non c’è più tempo, il Santiago attacca, la Sottocollese controlla senza affanni e vince.

Il Savignone vince finalmente e lo fa contro la diretta concorrente per evitare, in questo momento, l’ultimo posto: Il Libraccio. Gli arenzanesi partono anche meglio, ma calano alla distanza. Al 4° Zolezzi porta in vantaggio i padroni di casa, ma un ispirato Navone firma prima il pareggio al 30°; poi nella ripresa al 60° è sempre lui a piazzare la zampata del 1-2 che permette al nuovo corso del Savignone di gioire per la prima volta. Per il Libraccio invece cocente delusione per una partita iniziata bene, ma persa durante il suo svolgimento.

Chiude il turno Casellese – Zena, che finisce 1-1 al termine di una partita comunque ricca di emozioni. La squadra ospite fa capire di fare sul serio colpendo un palo già al 10° con Costa. Cinque minuti dopo è Priano che su punizione “battezza” la traversa e poi ancora il duo d’attacco chiama la difesa della Casellese ad un salvataggio sulla riga di porta.

Nella ripresa ancora Priano che sciupa tutto a porta vuota e allora all’80° esce la Casellese che trova la rete con Amelotti. Il Zena accusa il colpo, ma nel finale assedia l’area avversaria alla ricerca del pari che arriva proprio all’ultimo respiro con Costa che al 95° sigla l’1-1 che forse agli ospiti sta anche stretto.

Share this article

About author

Redazione

Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Contatti

Contatti

  • Via San Pietro , 65 
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 
  • 010 9269595 , Cell.338-6046388

Newsletter

Inserisci la tua e-mail per ricevere le nostre Newsletter !
Top
We use cookies to improve our website. By continuing to use this website, you are giving consent to cookies being used. More details…