Ex Stoppani: “Rischio sversamenti di cromo esavalente in mare”. Il commissario Toti mette in mora il ministero

Genova. Il rischio, anche se abbastanza remoto, è quello che dal 14 febbraio il sito della Ex Stoppani di Cogoleto possa rilasciare sul territorio 17 kg ogni giorno di cromo esalavente,

sostanza altamente pericolosa e cancerogena. Per questo motivo la Regione Liguria ha diffidato e messa in mora il ministero dell’Ambiente e della tutela del territorio e del mare affinché subentri alla gestione commissariale del Sito di interesse nazionale Stoppani, che è appunto in scadenza alla mezzanotte del 14 febbraio.

“Questo atto – ha affermato il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti – è stato concordato con la Città Metropolitana e con i sindaci di Arenzano e Cogoleto. Abbiamo ritenuto di dover diffidare il ministero a causa del mancato rinnovo della gestione commissariale. Abbiamo più volte sollecitato il ministro affinché venisse approvata una legge sul proseguimento dello stato di emergenza e della struttura commissariale: a 48 ore dalla scadenza, la norma non è stata emanata. La gestione commissariale – ha aggiunto – è quella che fino ad oggi ha garantito le procedure di bonifica con il trattamento delle acque di falda ricche di cromo esavalente, una sostanza altamente cancerogena.

“All’interno della Stoppani vi sono anche la discarica di Molinette, con un problema di percolato su cui intervenire settimanalmente, e il sito di stoccaggio dei rifiuti speciali derivanti dalla bonifica. Se tutto questo non dovesse essere rinnovato, ci sarebbero rischi per l’ambiente e per la salute molto elevati”. Il presidente Toti ha poi sottolineato che “non si tratta di un atto ostile nei confronti del ministero, ma di un atto dovuto, a fronte della grave emergenza a cui potremmo andare incontro. Il mio auspicio – ha concluso – è che entro domani il governo si attivi e intervenga con l’emanazione di una norma specifica”.

L’assessore all’Ambiente Giacomo Giampedrone ha concluso ricordando che “ci sono 14,8 milioni di euro da utilizzare per concludere il lavoro già avviato. Quell’impianto non si può interrompere: il rischio è che si riversino in mare 17 chilogrammi al giorno di cromo esavalente. L’attività commissariale è al 90%: non c’è alcuna ragione per cui non si debba finire quel 10% di opere che ci farebbero stare tutti più tranquilli”.

Preoccupazione è stata espressa anche dai sindaci di Arenzano e Cogoleto, Luigi Gambino e Mauro Cavelli. “Grazie alla gestione commissariale – ha ricordato Gambino – siamo arrivati quasi alla fine della bonifica. Se i trattamenti delle acque di falda dovessero interrompersi, ci avrebbe uno sversamento di cromo esavalente in mare con conseguenze gravissime”.

Share this article

About author

Redazione

Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Contatti

Contatti

  • Via San Pietro , 65 
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 
  • 010 9269595 , Cell.338-6046388

Newsletter

Inserisci la tua e-mail per ricevere le nostre Newsletter !
Top
We use cookies to improve our website. By continuing to use this website, you are giving consent to cookies being used. More details…