Il San Bernardino riparte e allunga

Torna a far paura il San Bernardino nel campionato di Seconda categoria, girone C. I neroverdi vincono e complice il pari fra Borgo Incrociati e Fegino, tornano a +5 sugli inseguitori.

I neroverdi ospitano il Val Lerone che non ha timori reverenziali e dopo due minuti è già in vantaggio grazie all’azione personale di Rachele.

di 48

Galleria fotograficaSan Bernardino Solferino Vs Val Lerone Sec. Cat .girone C 13dg Giornata

  • San Bernardino Solferino Vs Val Lerone Sec. Cat .girone C 13dg Giornata
  • San Bernardino Solferino Vs Val Lerone Sec. Cat .girone C 13dg Giornata
  • San Bernardino Solferino Vs Val Lerone Sec. Cat .girone C 13dg Giornata
  • San Bernardino Solferino Vs Val Lerone Sec. Cat .girone C 13dg Giornata

Il San Bernardino reagisce subito e cinge d’assedio la trequarti avversaria trovano la rete del pari al 20° con Varosio. Altri dieci minuti di buon ritmo e i padroni di casa mettono la freccia grazie al rigore trasformato da Martini, al quale fa seguito il tris di Rossi 5’ più tardi.

Nel secondo tempo il Val Lerone si riorganizza e cerca l’impresa. Al 50° Firpo calcia, ma viene fermato dalla traversa. Al 75° ha più fortuna quando recupera palla su errore della difesa, e insacca il 3-2. Gli arenzanesi non riescono a chiudere l’assedio, però perché all’85° Vera Alvarado fissa il punteggio sul 4-2

Come detto il Borgo Incrociati non va oltre l’1-1 contro un determinato Fegino che passa sostanzialmente il primo tempo rintanato nella propria metà campo, difendendosi con ordine con le parate di Papaluca che salva almeno due reti, una su Canepa ed una su Susino. Nel secondo tempo gli ospiti approfittano del momento preso dal Borgo per rifiatare e colpiscono con Leone che di testa  manda in rete. Il Borgo attacca come un toro infuriato, ma la palla non entra mai. Al 90° arriva un rigore che consentirà a Calbi di evitare la sconfitta ai suoi.

Tre punti per il Vecchio Castagna che chiude il 2017 con il quinto risultato utile consecutivo e il terzo posto in classifica saldamente in mano. Contro l’Avosso la vittoria è meritata dal primo minuto con i ragazzi di Cialvi che approcciano nel modo giusto alla partita. Al 3° infatti Goglia trova il tempo per colpire di testa in area “bucando” Morando per il gol dell’1-0. Meno di dieci minuti dopo Pestarino viene servito sull’inserimento, nessuno lo segue e lui ha tutto il tempo di raddoppiare.

La reazione degli ospiti si limita ad un paio di tiri di Villa e del solito Barisone Gatto, fra i migliori. Alla mezzora Pestarino spreca tutto a due metri dalla porta, poco dopo è Goglia che dopo aver rubato palla ad un avversario calcia a botta sicura dall’interno dell’area, ma Morando è felino nella deviazione. Nel secondo tempo Pestarino trova la doppietta al 55° e da lì i padroni di casa rallentano, mentre l’Avosso cerca l’impresa. Non vi riuscirà, anche se Fiorentino all’85° trova una gran conclusione che supera Tripodi.

Stesso punteggio fra Nuova Oregina e Pro Pontedecimo, con i padroni di casa che indirizzano la gara dopo appena 45’. La Pro, ha l’occasione di segnare, però perché la prima azione offensiva è dei granata, ma Pasti in area non è lucido e manda fuori di poco. Ben più preciso è Settimelli al 26° con un bel colpo di testa che sigla l’1-0.

Al 30° Pintimalli segna un eurogol (per quanto aiutato dal forte vento) con un tiro da metà campo che sorprende Friscione. La Pro reagisce, Pasti chiama Amenduni alla respinta, poi al 44° Burlando spedisce la sfera sotto la traversa direttamente su punizione. L’avvio di ripresa, però è shock per la Pro Pontedecimo che subisce la terza rete dei padroni di casa con Decamilli. Finisce 3-1 con la Pro che resta fuori dalla zona playoff per ora.

Vittoria fra le polemiche per il Libraccio che supera in casa lo Zena per 1-0 grazie al gol di Devenuto su rigore fischiato all’85°. Ospiti che protestano per un gol annullato a Di Bitonto sullo 0-0. A parere loro l’errore arbitrale sarebbe evidente. Pareggio fra Pieve ed Atletico Genova con i padroni di casa che sembrano finamente ritrovati. Dopo un primo tempo non spettacolare, se si eccettuano un palo dell’Atletico e due errori sotto porta del Pieve, la partita si sblocca al 75° con Ruocco che di testa fa 1-0. Lo zena, però reagisce e trova il gol dell’1-1 con Defrancesco. Risultato corretto per una gara equilibrata.

Il Davagna festeggia nel peggior modo possibile la fine dell’anno. In casa contro il San Martino rimedia una sconfitta che condanna i biancorossi all’ultimo posto per la classifica avulsa rispetto al Peive. Succede quasi tutto nel finale dopo che, Pietranera aveva potrato in vantaggio il San Martino al 41°.

Nel secondo tempo Geroldi pareggia a 20’ dalla fine, poi Drommi sale in cattedra e con una doppietta fa 3-1. Tuttavia il Davagna ci prova e Valla accorcia ancora le distanze. Finale testo, ma privo di altre reti. Il San Martino può quindi festeggiare per il bel passo avanti fatto in classifica, per quanto il campionato sia ancora lungo.

Share this article

About author

Redazione

Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Contatti

Contatti

  • Via San Pietro , 65 
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 
  • 010 9269595 , Cell.338-6046388

Newsletter

Inserisci la tua e-mail per ricevere le nostre Newsletter !
Top
We use cookies to improve our website. By continuing to use this website, you are giving consent to cookies being used. More details…